Come ti paghi dal tuo lavoro

15:14 Alessandra Stabili 0 Comments

Ehi, piccolo artista imprenditore. Ti sto chiamando...... Ascoltami, non vorrei tu andassi nei guai.



Le questioni finanziarie non devono essere prese alla leggera.
Ad esempio, valutare i tuoi prodotti correttamente è alla base della tua carriera.
Stai privando te stesso (e la tua famiglia) dei profitti della tua azienda?

In altre parole, probabilmente non stai staccando un assegno alla fine di ogni mese .

In questo post, scoprirai perché questo è molto importante e soprattutto come farlo.

PERCHÉ DOVRESTI PAGARTI?
Bisogna separare i soldi aziendali dal denaro personale
Se stai facendo spese commerciali usando denaro dallo stesso conto bancario / carta di credito che usi per spendere generi alimentari, fermati subito .

Le spese aziendali non devono essere mischiate con le spese per la casa, per sé o per la famiglia.

Avvia un conto corrente separato per la tua attività. Questo aiuterà a controllare costi ed entrate soprattutto quando ci sono le tassazioni.

Imposta il tuo conto bancario con un po 'di capitale, chiamiamolo anche fondo cassa, in modo da avere qualcosa da cui iniziare!

Sii un buon capo di te stesso e premiati economicamente per quello che fai. Soprattutto so quanto ti piace creare i tuoi prodotti per la tua attività.

E' il momento di iniziare a pensare a te stesso, ma per qualcosa che non riguarda il lavoro.

Vuoi iniziare a fare giardinaggio?Un corso di yoga? o vuoi andare a fare shopping al centro commerciale?

Fare le cose costa denaro - e ciò che non riguarda la tua attività dovrebbe uscire dal tuo conto bancario personale.

Quindi assicurati di pagarti ogni due settimane o alla fine del mese, in modo da poter raccogliere i frutti di possedere la tua attività.

Prenditi cura di te, proprio come farebbe un buon capo.

Risparmia per il tuo futuro. Devi sostituire la macchina? vuoi ristrutturare la cucina?  una bella vacanza alle Hawaii? Il fondo università per i tuoi figli?

Si, queste sono tutte spese che devi pagare con i tuoi soldi personali, non con gli affari.

Da dove provengono tutti questi soldi personali , se non da normali buste paga a te stesso dalla tua attività?

LA FORMULA
Prima di tutto il calcolo di vendita del tuo prodotto è molto importante. Non si deve omettere oltre al costo del materiale anche il costo della nostra manodopera/tempo. Utilizza il file di calcolo che trovi presso questo LINK e che ho già illustrato nel post "Suggestion 2_Come calcolare il ricarico"

Iniziamo esaminando la nostra formula dei prezzi:

Forniture + il tuo tempo = costo dell'articolo

Costo dell'articolo x 2.2 = Prezzo all'ingrosso

Prezzo all'ingrosso x 2.2 = Prezzo al dettaglio

È facile cadere nella trappola pensando che il markup 2.2 x nella formula dei prezzi sia quello con cui paghi te stesso.

Questo markup rimane nella tua azienda fino a quando non ti paghi, usando questa formula:

Entrate - Spese = Utile (o perdita)

Profitto del 70% = il tuo assegno

Profitto del 30% = Tasse

Le percentuali sono variabili e possono essere ottimizzate per il tuo business e la tua vita.

Ad esempio, supponiamo di voler risparmiare un po 'di profitto nel business per una nuova stampante laser. Potresti provare:

Entrate - Spese = Utile (o perdita)

Profitto del 60% = il tuo assegno



Profitto del 30% = Tasse

10% di profitto = reinvestire nell'attività

Il 30% per le tasse è quello che ho trovato che funziona per me e la mia vita, tuttavia è una stima.

Facciamo un esempio:

Entrate questo mese (€ 1.000) - Spese questo mese (€ 500) = € 500 Profitto (yay!)

Profitto del 70% (€ 500) = Tua busta paga (€ 350)

Profitto del 30% (€ 500) = Tasse (€ 150)

Ecco il tuo momento di gloria: pagati € 350.



AGIRE - AGIRE - AGIRE
Ogni due settimane o alla fine di ogni mese, rendilo parte della tua routine per capire le entrate e le spese mensili per la tua attività.
Se non guadagni ogni mese, va bene.
È un buon promemoria per guardare la tua azienda come un business e continuare anche ad investire su altro che ti genera denaro.


You Might Also Like