Un materiale particolare: la tagua

09:47 Alessandra Stabili 0 Comments

Ho utilizzato la tagua per diversi monili. Lo trovo un materiale molto versatile ed originale. Le noci possono essere modellate in diverse forme. Il colore bianco caldo è molto delicato. L'unico diciamo "difetto" che ho riscontrato nella tagua è il peso. Teniamo conto che i bijoux sono elementi da indossare e nonostante il filo di rame ha la caratteristica di essere molto leggero, l'insieme risulta troppo massiccio.

L'avorio vegetale, conosciuto anche come corozo o tagua, è un materiale ricavato dai semi di una palma, la Phytelephas macrocarpa che cresce nella foresta pluviale del Sud America. Il frutto (di cui si utilizza l'endosperma) una volta essiccato ha consistenza, colore e aspetto molto simile all'avorio animale e può essere facilmente lavorato e tinto.




Picture credits: Nativa tours

Viene utilizzato per la preparazione di: mosaici, pavimenti, rivestimenti, bottoni, perline, gioielli, pulsanti e particolari di strumenti musicali come le cornamuse. Un tempo sostituto economico dell'avorio, dopo la messa al bando della caccia agli elefanti ha ritrovato una sua importanza economica ed ecologica.

Picture Credits: El Diario



You Might Also Like