etsy store




Quali sono le caratteristiche del "fatto a mano"

 Caratteristiche del “fatto a mano”

I settori in cui è diffusa la filosofia del “fatto a mano” sono svariati: abbigliamento, gioielleria, pelletteria, arredamento, gastronomia, cosmesi, design, fai da te. Può applicarsi sia a medie e piccole realtà imprenditoriali che all’hobbistica: nel primo caso si parla di imprese artigianali, nel secondo di crafter, ovvero di amanti del fatto a mano nell’ambito del fai da te. Quelli che comunemente vengono chiamati “lavoretti” sono in realtà dei veri e propri articoli che vengono esposti e venduti in fiere dedicate o tramite i social, vero ricettacolo dell’handmade. Gli imprenditori artigianali, invece, come canale di vendita hanno diverse opzioni: lo shop di Artimondo, i canali diretti e, soprattutto, l’Artigiano in Fiera, la più grande fiera italiana dedicata all’artigianato.

Le caratteristiche del fatto a mano non si riducono al tipo di lavorazione del prodotto: includono anche la scelta dei materiali o delle materie prime (se sono sostenibili, ecologiche, di qualità, riciclate), il tipo di trattamento delle stesse (quanto vengono lavorate, quanta energia viene impiegata per la lavorazione), la cura nelle rifiniture e nel packaging. Realizzare un prodotto a mano necessita di un’attenzione estrema al cliente, la stessa che l’artigiano mette nella realizzazione del prodotto stesso. Che è poi la garanzia che negli ultimi anni ha reso il fatto a mano la scelta preferita di molti consumatori.

Fonte articolo: Artimondo

Posta un commento

0 Commenti